ciao

domenica 24 febbraio 2013

E ora 45 in lista d’attesa per cambiare sesso

UDINE - Quarantacinque in lista di attesa in Friuli Venezia Giulia per un’operazione che per loro significa “rinascita”. Persone che aspettano solo di poter concretizzare un sogno: sentirsi finalmente a proprio agio in un corpo di donna. Esseri umani che non vogliono altro che poter cominciare un nuovo capitolo della loro vita così come l’avevano sempre immaginato.

Ponendo fine a una sofferenza interiore che con il tempo diventa di continuo più grande e profonda. Negli ultimi tre anni, all’Ospedale Cattinara di Trieste, centro italiano di eccellenza per gli interventi di cambio di sesso, sono state effettuate 42 operazioni: 17 nel 2010, 14 nel 2011 e 11 nel 2012. Alcune delle quali previste anche in uno specifico progetto regionale. Un percorso lungo, quello che viene intrapreso da ogni singola persona in cui è seguita da una vera e propria équipe di specialisti. Nelle sedi presenti sia a Udine che a Pordenone dell’Aied (Associazione italiana per l’educazione demografica) si possono ricevere (tra i vari servizi offerti) tutte le informazioni necessarie, e quindi essere correttamente indirizzati e accompagnati da diversi esperti tra i quali uno psicologo, un endocrinologo, un avvocato, un sessuologo.

Come spiega il Professor Carlo Trombetta, specialista in urologia e andrologia e coordinatore del Cedig (primo Centro universitario per la diagnosi e la terapia dei disturbi d’identità di genere), con alle spalle centinaia di interventi, «nel tempo si è riusciti a creare una vera e propria “rete” che coinvolge l’intero Friuli Venezia Giulia». Un lavoro di squadra, dunque, che considera come obiettivo principale il benessere sia fisico che psicologico di tutti i pazienti.

È solo con l’intervento di tutte queste diverse figure specialistiche, pertanto, che ogni singola persona può giungere realmente preparata a questo importante passo. E la soddisfazione più grande, a quanto riferisce il professore, «è quella di sentirsi dire da loro che stanno bene». Per quanto riguarda l’operazione, essa dura generalmente dalle quattro alle cinque ore.

A intervenire per trasformare i genitali esterni maschili sono due équipe di medici che lavorano a tratti contemporaneamente attraverso una serie di fasi. Quella stessa operazione che ha portato Veronica a “rinascere” più di vent’anni fa. E ora è proprio lei a sperare che anche queste 45 persone in lista di attesa possano raggiungere la sua stessa felicità. (v.z.)

Fonte: Messaggero Veneto

Vi abbraccio
Marco Michele Caserta