ciao

giovedì 10 gennaio 2013

Il papa celebra un matrimonio gay (ma solo nella pubblicità)


La Powershop, compagnia neozelandese per l’energia elettrica, ha realizzato tutta una serie di pubblicità in cui mette in evidenza un nuovo modo di lavorare: il claim è che sì, l’energia è sempre la stessa, ma il modo di lavorare è totalmente diverso.

Tra i vari testimonial utilizzati dalla compagnia c’è anche il papa. E cosa c’è di meglio per mostrare un nuovo modo di porsi se non quello di far vedere Ratzinger che unisce in matrimonio due uomini? Così ecco ritratti due sorridenti giovani che si uniscono in matrimonio sotto lo sguardo benedicente del pontefice, in un tripudio di fiori.

Naturalmente sono fioccate le proteste con la richiesta da parte di più cittadini di ritirare la pubblicità. È intervenuta l’authority che vigila sui messaggi pubblicitari e ha stabilito che la pubblicità va bene e non deve essere ritirata.

Qui da noi è successo il finimondo per la pubblicità dell’Ikea e per quella dei sughi Althea. Figuratevi se qualcuno avesse osato mettere solo la sagoma del Cupolone in una pubblicità con i gay cosa sarebbe accaduto…

Via | River