ciao

giovedì 8 novembre 2012

Gay, bocciato testo base di legge contro omofobia

Voto contrario Pdl, Udc e Lega. Vendola: «Classe politica ipocrita». 

L'Europa va avanti, mentre l'Italia rimane ferma al palo.
Mentre la Francia ha detto sì alle nozze gay e la Spagna ha riconosciuto la legittimità del matrimonio tra persone dello stesso sesso, in Italia la commissione Giustizia della Camera ha respinto il testo base per una nuova legge contro l'omofobia e la transfobia. 
Bocciato con i voti dei rappresentanti di Pdl, Lega e Udc.

LOBBY OMOFOBA. «Ancora una volta la lobby omofoba si è espressa contrariamente alla nostra proposta di legge che prevedeva il contrasto dei comportamenti dettati da omofobia e transfobia», ha scritto in una nota il deputato Idv Federico Palomba aggiungendo che la proposta «perseguiva il suo obiettivo attraverso l'estensione della legge Mancino, quella che punisce i comportamenti razziali».
La pena è di un anno di carcere per chi istiga non solo all'odio razziale, etnico o religioso ma anche a quello contro le persone omosessuali.
Palomba, capogruppo in commissione Giustizia, ha annunciato battaglia in aula.
Per l'esponente del Pd Paola Concia «le forze politiche che hanno bocciato la legge sul'omofobia devono vergognarsi». 
La battaglia però, ha promesso Concia, riprenderà in Aula, dove rischia di riformarsi il fronte del no formato dai partiti ostili alla legge come Pdl, Lega Nord e Udc.

URGENZA INTERVENTO DEL GOVERNO. Donatella Ferrante, capogruppo del Pd in commissione Giustizia, ha chiesto al governo di intervenire direttamente con un decreto legge.
«e aggressioni sono all'ordine del giorno e solo il cinismo di Alfano, Casini e Maroni può perseverare in questa ipocrisia imbarazzante».
Anche la presidente della commissione Giustizia della Camera Giulia Bongiorno ha rivolto un appello all'esecutivo. 
«L'odierna bocciatura di un testo contro l'omofobia costituisce l'ennesima occasione gettata al vento sul versante della lotta ai crimini d'odio. Rivolgo un appello a questo Governo, così attento alle istanze europee, affinché riconosca l'urgenza di un intervento legislativo in materia».

CLASSE POLITICA IPOCRITA. Per Vendola la bocciatura «è la fotografia precisa di ciò hanno fatto diventare l'Italia: un Paese in degrado, che non riesce a stare dietro alle profonde novità che scuotono la nostra società. È una classe politica ipocrita che non riesce ad immaginare che i diritti delle persone possano avere spazio di cittadinanza e che sta condannano l'Italia all'oscurantismo più ridicolo».

ESTENDERE DIRITTI PER RENZI. Riprendere l'esame della legge bocciata in commissione è l'invito rivolto da Matteo Renzi, secondo il quale vanno comunque estesi i diritti civili delle coppie gay.
Sull'accaduto il centro destra ha fatto cadere un velo di silenzio, con la sola eccezione di Mara Carfagna (Pdl) che al momento della votazione si è però astenuta

Fonte: Lettera43

Vi abbraccio
Marco Michele Caserta