ciao

domenica 6 maggio 2012

Oltrecorpo e Identità di Genere

Oltrecorpo - Marco MicheleIl concetto di identità assume, di volta in volta, diversi significati d'uso comune: da quella nazionale a quella filosofica a quella metafisica e così via. Una delle declinazioni, però, meno frequenti del sostantivo è legata al genere. Si parla di genere come di categoria che raggruppa individui con caratteristiche comuni, quindi anche, e soprattutto, con peculiarità simili riferite all'identità sessuale. C'è però tutto un sottobosco di individualità meno facilmente categorizzabili in quanto a disagio nella struttura del corpo fisico ovvero identità sessuale acquisita dalla nascita. Individualità quindi in cerca ovvero in migrazione o meglio in transizione verso un'identità sessuale, non intesa come gusto sessuale, che sia più confacente con la personalità dell'individuo.

Nel gergo comune si usa identificare coloro che sono in transizione, quindi, da un sesso all'altro come transgender ovvero transessuali ovvero gli individui la cui identità sessuale fisica non è corrispondente alla condizione psicologica dell'identità di genere maschile o femminile e che, per questa ragione, modificano il proprio corpo attraverso interventi medico-chirurgici. 

Il mondo transessuale si divide, a grandi linee, in ftm (female to male) ovvero coloro che dal sesso femminile migrano verso quello maschile e mtf (male to female) cioè chi passa, invece, da quello maschile al femminile.

Oltrecorpo, un progetto della scrittrice Alessandra MR D'Agostino e del fotografo prematuramente scomparso Massimo Prizzon, a cui collaborano Donatella D'Angelo e Dirk Vogel, si prefigge lo scopo di documentare la vita di coloro che iniziano o sono già in viaggio nei meandri della transizione. FTM e MTF di tutta Italia raccontano le loro storie, le difficoltà e i rischi di chi, a disagio nel proprio corpo fisico, decide di mettersi in gioco totalmente, spesso causando rotture insanabili con la propria famiglia d'origine e con la rete relazionale intessuta negli anni. 

Coraggio, tenacia e determinazione sono le variabili comuni di donne e uomini in migrazione da un sesso all'altro, persone di ogni età, dai 19 fino ai 55 anni e oltre. Storie forti, di grande determinazione che diventeranno un libro con testi corredati da ritratti fotografici ed esercizi di scrittura consapevole.
Oltrecorpo - Matteo
Storie che diversamente rimarrebbero taciute e che, invece, Oltrecorpo sceglie di raccontare per spostare la visuale su un mondo, purtroppo, invisibile fatto non solo da coloro che, in mancanza di alternativa, devono affollare i marciapiedi d'Italia. Oltrecorpo vuole attrarre l'attenzione della gente comune ma anche degli addetti ai lavori, dai medici ai giuristi agli psicologi affinché si attivino con considerazioni e provvedimenti utili a chi viaggiando da un sesso all'altro rimane per lungo tempo senza tutela, senza lavoro, senza identità. 
Storie importanti come quella di Darianna, mtf, dalla Toscana, che decide di buttare all'aria un matrimonio ed una vita sociale e lavorativa consolidata perché non può più prendersi in giro. Oppure come quella di David, ftm, dalla Lombardia, che si vede, ciclicamente, preclusa ogni opportunità lavorativa, di qualsiasi genere, perché il suo corpo non corrisponde ancora al nome anagrafico scritto sui documenti.
Oltrecorpo utilizza l'informazione per trasformare, dove possibile, l'opinione. Perché l'informazione crea cultura e comprensione ed abbassa le soglie del disagio, della diffidenza e dell'emarginazione.

E perché il sesso è sì un dato biologico ma l'identità di genere è un dato psicologico che appartiene alla sensibilità e quando queste non coincidono è giusto che sia il corpo a seguire l'anima e non viceversa. Ed è giusto che questo passaggio venga tutelato o quanto meno rispettato.