ciao

giovedì 6 ottobre 2011

Una transessuale al parlamento polacco?

Anna Grodzka si candida alle politiche con la lista Palikot

Si chama Anna Grodzka ed è la prima transessuale polacca candidata a Cracovia per le politiche, in calendario Domenica, nella lista del Movimento Anarchico-Liberale di Januzs Palikot.

LA STORIA - Anna Grodzka, 57 anni, è fondatrice e presidente della Fondazione Trans-Fusion, è una Psicologa, un’Attivista per la responsabilizzazione delle persone transgender e produttrice cinematografica. Laureata all’Università di Varsavia, la Grodzka si è formata per combattere ogni sorta di discriminazione con l’organizzazione e la conduzione di un gruppo di sostegno per le persone transgender. Oltre ad essere nota per il suo impegno politico (sempre a sinistra) e sociale, la donna è nota anche per aver deciso di cambiare sesso solo recentemente: l’operazione, avvenuta a Bangkok nel 2010, è stata oggetto di un documentario girato da un canale tv privato. Da allora la Grodzka, che prima si chiamava Ryszard, si è sposata con un uomo. La donna abbraccia la posizione di Palikot, 47 anni, un uomo d’affari e ex deputato del partito del premier Donald Tusk Piattaforma civica (Po), ha fondato un Movimento che secondo gli ultimi sondaggi potrebbe diventare la terza forza del parlamento polacco (dopo Po e il partito di Jaroslaw Kaczynski Pis).

IL PROGRAMMA - Anna diventa quindi la prima persona apertamente transessuale nella storia politica polacca e ha presentato un importante programma elettorale: la Grodzka propone l’equiparazione dei diritti delle persone LGBT a quelli delle persone eterosessuali, la separazione tra Chiesa e organizzazioni statali, l’interruzione dei finanziamenti pubblici alle organizzazioni religiosi, pari opportunità per le donne, ampliare la disponibilità di asili e asili nido per venire incontro alle madri lavoratrici, l’aumento del salario minimo e l’eliminazione dei contratti spazzatura, oltre alla cessazione del finanziamento delle iniziative dei partiti politici con i soldi presi dal bilancio statale. Parliamo di una donna forte, con una grande personalità e con la priorità di innovare, di combattere per una vera e propria rivoluzione culturale in Polonia. I fari sono puntati su di lei: ripongono in lei molte speranze i membri della comunità LGBT, ma non solo.
di Claudia Santini



Vi abbraccio

Marco Michele Caserta