ciao

mercoledì 8 giugno 2011

Scenari omosessuali tra star e grandi autori - Roma

Peter Stein, Maddalena Crippa, Isabella Ferrari e Giuliana Lojodice: testimonial d'eccezione per festeggiare i diciotto anni del Garofano Verde, la rassegna di teatro gay curata da Rodolfo di Giammarco al Belli.

C'è Peter Stein che ripercorre le pagine di Jean Genet, ci sono Maddalena Crippa, Isabella Ferrari e Giuliana Lojodice: testimonial d'eccezione per festeggiare i diciotto anni del Garofano Verde, la rassegna di teatro gay curata da Rodolfo di Giammarco al Belli.

"In diciotto anni - spiega - abbiamo prodotto cultura in risposta a forme di violenza e di emarginazione, abbiamo favorito la nascita di spettacoli importanti, capaci di diventare anche europei e, soprattutto, siamo riusciti a mescolare le carte del pubblico, integrando curiosi e cultori, spettatori personalmente coinvolti e frequentatori attirati dalla qualità".

I protagonisti della rassegna

"Scenari omosessuali" dunque ha raggiunto la maturità e lo ha fatto infrangendo schemi, riflettendo su autori, poetiche, linguaggi, costumi artistici. Mezzo secolo dopo il film di Ken Hughes con Peter Finch sul processo a Oscar Wilde, condannato per il suo legame con il giovane rampollo del marchese di Queensbury, il Garofano Verde si radica nella capitale e non solo come marchio doc per la drammaturgia GLBT, gaylesbobisexualtrans. Filo rosso del cartellone di questa edizione (in contemporanea con le manifestazioni per il RomaGayPride) l'uso della parola teatrale applicato alla coscienza e alla sensibilità gay.

E allora ecco l'inedita lettura-spettacolo a cura di Luca Bei, dal romanzo di Zoe Heller, "Diario di uno scandalo", da cui l'omonimo film con Cate Blanchett e Judi Dench, di cui sarà interprete Giuliana Lojodice (il 7 giugno); ecco il reading di Isabella Ferrari sui mutamenti di identità, "Gender", (il 22 giugno). La cronaca è raccontata da "Il caso Braibanti" di Massimiliano Palmese, regia di Giuseppe Marini (dal 24 al 26 giugno). Erano gli anni '60 e Aldo Braibanti, artista e filosofo, venne condannato a nove anni per "plagio omosessuale"; vigeva ancora il famigerato codice Rocco.

Le donne lesbiche tedesche sono rappresentate da uno studio cantato che si intitola "Der Puff-frammenti cantati di corpi internati" di Francesca Falchi (il 13 giugno). Ancora un omaggio al cinema con "A Single Man" di Christopher Isherwood, portato sullo schermo da Tom Ford con Colin Firth (di Valentino Villa, in scena il 20 e 21 giugno). E poi i Corti Teatrali a cura di Francesca Staasch, "Istinti immorali" di Frediano Properzi, "Zoo" dal torbido romanzo di Isabella Santacroce e adattato da Giovanni Franci, "Tuttonostro" di A. Di Marco, V. Reginelli, C. Renzetti, "Cala'a saudage" di Giuseppe L. Bonifati.


Vi Abbraccio

Marco Michele Caserta