ciao

domenica 26 giugno 2011

Gay Pride con sindaco e Luxuria de Magistris balla Ymca

Fra i temi della giornata il riconoscimento di pari diritti e doveri e i matrimoni gay, dopo l'ok che arriva dallo Stato di New York.

Napoli si veste dei colori della bandiera arcobaleno e festeggia il primo Campania Pride.
In cinquemila, secondo gli organizzatori, hanno sfilato da piazza del Plebiscito fino al lungomare, alla Rotonda Diaz. Carri, drag queen, palloncini colorati e cartelli che inneggiano al rispetto dei diritti della popolazione gay, trans e lesbo della Campania.


Ad aprire il corteo il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, protetto dal sole da un ombrellino verde e al quale sono stati regalati fiori colorati. Sul lungomare, prima di lasciare il corteo, de Magistris ha ballato la celebre canzone "Ymca" dei Village People, raccogliendo applausi da parte dei manifestanti.

VIDE0 Il sindaco balla con Luxuria
FOTO Le immagini della festa


"Napoli è sempre stata città dell'accoglienza", ha sottolineato il primo cittadino. "Credo che non ci siamo marchi registrati del pride - ha sottolineato Luxuria, in merito alle polemiche con l'Arcigay - sono di tutti e appello all'unita orche quando ci sono questi dissidi usammo tutti perdenti". Per Carlo Cremona, presidente di I-Ken e tra gli organizzatori del Campania Pride, la manifestazione di oggi è della "gente che ha partecipato, anche cittadini etero".

Non hanno senso, a suo avviso, le polemiche portate avanti dall'Arcigay che, a poche ore dall'avvio della manifestazione campana, aveva ribadito che l'unico pride di oggi era quello di Milano. "Non si compra la parola pride come fosse un brand - ha concluso - tutti chiediamo le stesse cose:riconoscimento dei diritti e rispetto dei doveri".

Il corteo una volta arrivato davanti alla sede del consolato americano ha applaudito per ringraziare l'approvazione della legge che consente il matrimonio fra gay.

Fonte: http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/06/25/foto/gay_pride_tutte_le_immagini-18229324/1/

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta