ciao

giovedì 5 maggio 2011

Legge sull’omofobia: rimandato il voto


E come volevasi dimostrare, la commissione Giustizia della Camera ha rinviato il voto sull'adozione del testo base della proposta di legge sull'omofobia elaborato dalla relatrice Paola Concia:

"Pdl e Udc hanno chiesto di votare nella settimana del 17, si tratta di un gruppo di opposizione e uno di maggioranza, ho dovuto accettare e anche i capigruppi Pd e Idv hanno preso atto. Ma io dico… sono 946 giorni che se ne discute e sei mesi che il mio testo base è depositato in commissione… è imbarazzante che si parli ancora di fretta…"

Anche Jean Leonard Touadi, deputato del Pd, membro della Commissione Giustizia della Camera, è incredulo per l’insensato passo indietro:

"Come immaginabile la paura di doversi giustificare con il proprio elettorato, a poco meno di dieci giorni dalle elezioni amministrative, ha letteralmente terrorizzato la maggioranza. La Commissione Giustizia della Camera ha infatti rinviato il voto sull’adozione del testo base della proposta di legge sull’omofobia.La motivazione e’ stata la ricerca di una sintesi fra sensibilita’ differenti. Come giustamente ci ricorda la relatrice della proposta Paola Concia si discute di questa legge da quasi 1000 giorni. Troppi, se si considera l’importanza di questa norma. Questo provvedimento deve essere considerato l’esatta misura della nostra capacita” di adeguarsi ai cambiamenti sociali e culturali ormai in atto. Non si tratta di una gentile concessione fatta a una categoria di cittadini ma bensi’ di qualcosa di diverso e di piu’ alto e grande che tocca tutti noi e le nostre liberta’. Presto o tardi la maggioranza dovra’ rendersi conto, se ha a cuore il bene del paese, che tutto questo tempo l’Italia non ce l’ha."

L’onorevole Pier Luigi Mantini dell’Udc, invece, ha espresso la sua contrarietà al voto:

"Il rinvio dell’esame del testo in materia di omofobia alla prossima seduta della Commissione Giustizia della Camera è stato deciso con l’assenso dei principali gruppi parlamentari che, diversamente, avrebbero votato contro. Ogni tentativo di strumentalizzare questo breve rinvio appare perciò maldestro. L’UDC è tradizionalmente contraria al reato di omofobia che rischia di essere, al contrario delle intenzioni, discriminatorio e “in bianco” nella sua sostanza penale. Diverso è l’approfondimento di un eventuale aggravante di delitti che deve però corrispondere ad un testo chiaro e non equivoco."


Vi Abbraccio

Marco Michele Caserta