ciao

martedì 8 marzo 2011

Firenze, 8 marzo: Giù la maschera! Avete ancora voglia di festeggiare?

Prima di passare alla pubblicizzazione dell'evento vero e proprio, vorrei poter spendere due parole per raccontare le origini di questo giorno; giorno che per molte donne è considerato una "festa": un'occasione come un'altra per poter evadere dalla routine di coppia, e il tutto grazie alla compagnia di bell'imbusti anch'essi ignari di ciò che stanno allegramente festeggiando!

Le origini di questa "festa" risalgono al 1908, quando, qualche giorno antecedente a questa data, le operaie di una grande Industria Tessile di New York scioperarono per protestare contro le terribili condizioni nelle quali erano costrette a lavorare.
Lo sciopero durò qualche giorno, finché Mr Johnson, il proprietario dell'Industria, blocco tutte le porte della fabbrica con ancora all'interno le povere operaie, e subito dopo venne appiccato il fuoco allo stabilimento stesso; il tutto accadde proprio l'8 Marzo!
Beh, rimasero prigioniere e morirono nelle fiamme ben 129 operaie.
Successivamente, da Rosa Luxemburg, questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale a favore delle donne, proprio in ricordo di questa tragedia.
Avete ancora voglia di festeggiare?

8 Marzo 2011 

Oggi più che mai c’è bisogno della ricchezza che i movimenti di donne possono offrire.
Noi donne ci siamo con la nostra cultura di liberazione, di democrazia, di affermazione dei diritti individuali.
E in questo momento diciamo: 

GIÙ LA MASCHERA ! 

Noi non siamo come ci raccontano! 

Schiacciate fra l’immagine di manichini muti, bambole al servizio degli appetiti maschili o procaci seduttrici e lo stereotipo tradizionale che ci vuole all’interno della famiglia, moglie-madri votate al sacrificio, a sostituire un welfare che riduce di anno in anno le sue prestazioni, da tempo diciamo basta.
Questo 8 marzo ritroviamo tutta la voglia di esserci e di lottare dimostrata da decenni e rafforzata dal risultato della mobilitazione di domenica 13 febbraio.
In questo Paese che non riconosce la nostra libertà e limita la nostra autodeterminazione, che svaluta il nostro lavoro (pagandolo meno di quello equivalente svolto dagli uomini), che usa il precariato come strumento di controllo su generazioni di giovani, dove il femminicidio è la seconda causa di morte per le giovani donne e la violenza viene esercitata soprattutto nell’ambito delle relazioni di coppia, vogliamo reagire, mettendo in gioco, a disposizioni di tutte e tutti la nostra cultura di liberazione, di democrazia, di affermazione dei diritti individuali.

Un corteo vivace e colorato partirà da largo Annigoni alle ore 17 e 30 di Martedì 8 Marzo e, dopo aver percorso il centro della città, terminerà alle ore 20 alla loggia di Piazza dei Ciompi con musica e letture.

Successivamente, presso il Giardino dei ciliegi (Via dell’Agnolo, 5), verrà inaugurata una Mostra delle artiste dell’Associazione Il Melograno “Dallo stereotipo alla donna reale-l’arte delle donne in mostra“. Alle ore 21 seguirà la performance de “Le immagini di vetro project”, e, a seguire, Dj Meatball.

Ed ecco il documento per intero:

GIU’ LA MASCHERA

Noi non siamo come ci raccontano!


Non è da oggi che la pubblicità e i media italiani ci dipingono come manichini muti, prive di intelligenza e personalità, incapaci di formulare un nostro pensiero, disposte a farci spogliare e manipolare, bambole al servizio degli appetiti maschili, frivoli oggettini di intrattenimento o procaci seduttrici.

Le donne, tante, tantissime, che hanno manifestato domenica 13 febbraio, sono la conferma di quanto stiamo affermando.

Non siamo come ci raccontano perché nel Paese vero le donne che lavorano in casa e fuori casa, che studiano, che lottano, si sono mostrate in 320 piazze italiane rivendicando la liberazione dal giogo di un’immagine distorta, proposta dalla condotta di un capo di governo che induce vergogna in Italia ed all’estero.

E’ stata una presenza che deve segnare un punto di svolta, l’inizio di un processo che veda noi donne trovare voce comune, al di là di ogni appartenenza e condizione, per rimuovere tutti i condizionamenti che giocano un ruolo pesantemente negativo riguardo alla nostra immagine, alle scelte della nostra vita – personale e lavorativa – ed alla nostra incolumità dalla violenza maschile in tutte le sue espressioni.

Infatti in nome di una falsa emancipazione le donne sono usate da molto tempo come oggetti sessuali in televisione, nelle riviste, sui cartelloni pubblicitari. La mercificazione del corpo femminile fa parte di una normalità troppo spesso proposta come modello di realizzazione individuale.

Gli eventi degli ultimi due anni non fanno che rafforzare questo giudizio: il governo stesso è guidato da chi esprime in sommo grado una “cultura” che vuole impostare i rapporti fra i generi in base alla subalternità femminile rispetto al potere maschile.
Dall’altra parte la visione più reazionaria di stampo cattolico imposta dalle politiche governative con sempre maggiore aggressività, ripropone come unico stile di vita ammissibile la famiglia tradizionale, esaltando il ruolo della donna all’interno di essa come moglie e madre votata al sacrificio. E il sistema di welfare del paese rimane basato sul lavoro non retribuito delle donne che curano bambini e anziani a costo zero per lo stato!

Intanto, le morti sul lavoro, in continuo aumento, ricordano la tragica origine dell’8 marzo. La precarizzazione del lavoro e l’arretramento dello stato sociale rendono sempre più difficile la condizione materiale delle donne, limitandone di fatto la libertà di scelta e la possibilità di progettare il proprio futuro.

Questo è il paese che non riconosce la libertà delle donne, che svaluta chi lavora, che programma il precariato come strumento di emarginazione e di ricatto di generazioni di giovani, che paga meno le donne che svolgono lo stesso lavoro degli uomini. Il paese dove a una donna si può chiedere all’atto dell’assunzione di sottoscrivere le proprie dimissioni “in bianco”

Il paese in cui le donne migranti sono doppiamente discriminate, in quanto immigrate ed in quanto donne: spesso con condizioni di lavoro che impediscono loro di tenere con sé figli e figlie e le privano di una propria vita affettiva e familiare.

Questo è il paese dove il femminicidio è per le donne la seconda causa di morte, nel quale la violenza maschile, nell’ambito della famiglia e fuori della stessa, fa registrare con una cadenza impressionante morti ed aggressioni che rappresentano ormai un allarmante indicatore di quanto sia distorto il rapporto tra i generi, espressione di una cultura delle sessualità connotata dalla miseria della concezione della donna da parte dell’uomo che non dismette la propria convinzione di poter esercitare sulla stessa ogni suo potere.

Noi intendiamo reagire a tutto questo, alle antiche discriminazioni e alle nuove servitù, vogliamo ricollocarci al centro della vita del nostro Paese per restituire ad esso e a noi energia e dignità dopo quasi un ventennio di progressivo adattamento al berlusconismo. Non sarà facile rimuovere le macerie e ancora più difficile sarà costruire relazioni nuove fra donne e uomini: ma non intendiamo fermarci. Anzi, invitiamo gli uomini a non perdere quella che speriamo si riveli un’occasione preziosa.

Libere tutte, Coordinamento donne CGIL, Il Giardino dei ciliegi, Artemisia, Il melograno, ARCI, Cacerolazos, Libertà e Giustizia, ANPI, donne in rete per la rivoluzione gentile, corrente alternata, donne PD, Donne SEL, donne Federazione della Sinistra, donne IDV, donne dei Verdi


Vi abbraccio

Marco Michele Caserta