ciao

lunedì 28 febbraio 2011

Marta Grasso a me(Laura Denu) - Pseudo intervista ad una pseudo transessuale

 

1. Come descriveresti l’ “essere donna”?
-Io sono talmente legata al concetto di “persona, che faccio davvero difficoltà ad allinearmi ai generi esistenti. Per me essere donna è essere persona, che si differenza dall’essere uomo solo per stereotipi che non mi appartengono. Mi sento una sorta di anarchica in questo. Il genere è un fatto ovvio, si nasce maschi o femmine, poi si sceglie un percorso personale, non negoziabile. Anche se spesso i condizionamenti sociali, familiari, etici e morali, ci riportano spesso al “pensiero unico”. Maschi, femmine, buoni, cattivi, bianchi e neri…….

2. Come descriveresti l’ “essere uomo”?
-Come sopra. 

3. Come descriveresti l’ “essere transessuale”?
-Transessuale=persona che transiziona da un genere all’altro. Questo viaggio appartiene al corpo, che subisce modifiche tecniche strada facendo. Io sono nata transessuale. Ma io direi che sono nata Laura. Poi in seguito ho scelto una genialità opposta a quella biologica ed una “apparenza” che per ruoli sociali, mi ha incasellata nel genere femminile. Ma io mi sento tante altre cose ancora. Il termine transessuale identifica una categoria, per lottare, per rivendicare i diritti negati e il misconoscimento a cui lo Stato sociale ci relega. Essere transessuale è innanzi tutto essere persona, non prevista dal binarismo di genere. Per queste ragioni essere una persona transessuale diventa difficile, devastante, come lo è per le donne, i migranti, i diversamente abili e tutte quelle marginalità che non nascono come tali, ma ci diventano perché private di cittadinanza e diritti alla pari, in un paese respingente e totalitario.

4. Come descriveresti i significati che ha il corpo per una persona transessuale?
-Il corpo per una persona transessuale ne ha molti, ma io mi soffermerei solo su alcuni, quelli da cui mi dissocio. Il corpo è una rivendicazione e per molte una medicina per il dolore. Assomigliare il più possibile a ciò a cui non si potrà mai assomigliare, porta molte transessuali a smontare e rimontare il proprio corpo grazie alla chirurgia ricostruttiva, con l’unico obiettivo della non identificabilità. L’omologazione del corpo e del pensiero ti risparmiano l’onere della lotta per l’affermazione della differenza. Il corpo si usa anche per guadagnare, per chi si prostituisce. Dunque da ad esso un significato di “strumento” di riscatto, economico e sociale. Il significato che io do al mio corpo è quello dell’involucro che mi protegge, faccio del tutto non perché assomigli ad altri corpi, ma affinché sia felice, come piace a me e non ad altri. Il mio corpo non è uno strumento ma ciò che ricorda agli altri che è impossibile non tenere conto del mio “esserci”.

5. Come pensi che la gente comune descriva una persona transessuale?
-La maggior parte della gente, non descrive una persona transessuale, non può e dunque se lo fa, lo fa in modo distorto, mistificatorio. Tutto riporta a come e a chi ci racconta, quando non siamo noi stesse a farlo. Io dico sempre ai miei amici: “Non trattatemi come una persona normale, perché non lo sono e non lo voglio essere”!
Persino chi studia i transessualismi è lontanissimo dalla realtà, ma noi apprezziamo la buona volontà, quando non crea disastri. Io credo che si parli troppo e male di transessualismo, auspicherei che si volti pagina, che il dig diventi un’auto diagnosi e che le persone si riapproprino del loro diritto all’autodeterminazione. La questione sui diritti merita visioni che escano dai recinti individuali. Io quando lotto quotidianamente per i miei diritti, penso ai diritti di tutti. Per questo sono fortemente convinta che invece di parlare di gay, lesbiche, trans, si cominciasse a parlare di diritti civili a 360 gradi. Preferisco scendere in piazza con le persone e per i nostri diritti, senza stare troppo a pensare se si tratta di gay, lesbiche o trans.

6. Come descriveresti la “femminilità”?
7. Come descriveresti la “mascolinità”?


- A queste due domande una unica risposta. Non esiste una linea di confine che possa contrapporre mascolinità e femminilità. Esse possono convivere e costruire ricchezza interiore senza essere separate. Sono due status che non riconosco e a cui non appartengo e che non mi appartengono. Se esistono, sono due status che ho sempre rifiutato. Ci si sviluppa attraverso il vissuto, se c’è un vissuto più o meno sentito. Femminilità e mascolinità sono due termini che ci rassicurano, nutrono il nostro ego, sono un falso ingrediente della nostra autostima, certo ne valori ne patrimonio da difendere. Io mi lascio affascinare sempre sia dalla mia parte femminile che da quella maschile (ma parlo di genere), non di velleità. Maschio non c’entra con la mascolinità come Femmina non c’entra con la femminilità. Siamo energia in movimento, e l’energia si modifica continuamente. Cambia colore, odore, rumore. Io mi sento maschio, femmina, animale, aria, dolore e tantissime altra cose. Mai potrei essere energia statica, anche se sono una pazza da protocollo. Per tutto questo ed altro ancora, parte della comunità trans non mi riconosce! AMEN

Grazie a Marta Grasso

Università degli Studi di Padova
Psicologia Clinica e di Comunità


Intervista molto interessante!
Sarebbe bello approfondire alcuni punti.

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta