ciao

giovedì 3 febbraio 2011

L’unione dei pregiudizi non fa la forza

Comunicato stampa ArciLesbica Zami Milano 1.2.2011

Nei giorni in cui celebriamo la giornata della memoria per ricordare anche le vittime omosessuali perseguitate e uccise dai nazisti in nome di una presunta normalità, il parroco ortodosso Anatolie Cazacu invoca lo stesso concetto per dire che “i gay sono persone anormali” legittimando così offese, discriminazioni e violenze alle persone omosessuali.

Dal sagrato del santuario di Rho, mentre celebra l’unione delle comunità ortodosse, evangeliche e cattoliche, il parroco ortodosso per trovare una visione del mondo comune a tutte le confessioni religiose, da una parte invoca l’amore verso il prossimo e dall’altra scaglia parole d’odio verso i gay con la benedizione degli altri due rappresentanti.

Le parole del parroco sono smentite non solo dall’OMS (organizzazione mondiale della sanità ) ma anche dall’ordine degli psicologi della Lombardia, la cui posizione è la seguente:

"Condanniamo ogni tentativo di patologizzare l’omosessualità, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce una ‘variante naturale del comportamento umano".

Padre Anatolie Cazacu rincara poi la dose dicendo :

"Non dategli i figli. Alle persone anormali vengono dati in affido i figli che sono la cosa più preziosa”. Con tutti i casi di pedofilia accaduti nelle parrocchie di mezzo mondo dovremmo essere noi a dire : “ non diamogli i nostri figli !!! ".

Ci incoraggia sapere che dall’altra parte dell’Italia , dal pulpito di un altro sagrato, Padre Cosimo Scordato dice l’esatto contrario, cioè che le persone omosessuali sono persone normali, non errori di natura o malati. Sono persone che hanno tutto il diritto di amare e di essere amate e in quanto tali di formare delle famiglie.
Da 2000 anni l’immutabile morale cristiana sulla sessualità crea unione solo nei pregiudizi e nelle discriminazioni alimentando l’odio e la paura verso le persone omosessuali.
Come persone lesbiche, gay e trans che vivono a Rho, auspichiamo che le chiese presenti sul territorio invece di fare una gara a chi odia di più, sappiano trovare nell’amore verso il prossimo, nell’accoglienza e nell’abbraccio verso tutti e tutte, l’unica visione del mondo possibile.

Stefania Cista
Presidente ArciLesbica Zami Milano

Sergio Prato
Presidente Associazione Le Rose di Getrude

Fonte: http://www.lerosedigertrude.it/2011/archivi/comunicati-stampa/l%E2%80%99unione-dei-pregiudizi-non-fa-la-forza

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta