ciao

mercoledì 23 febbraio 2011

HIV e AIDS: molti non sanno come avviene il contagio

Secondo un recente sondaggio, in Gran Bretagna una persona adulta su cinque non sa che l’HIV può essere trasmesso attraverso rapporti omosessuali a rischio. Il sondaggio, condotta dalla National AIDS Trust, ha preso in esame 1944 persone; inoltre le stesse persone prese in esame avevano la stessa opinione circa la trasmissione del virus nei rapporti eterosessuali senza precauzioni; sempre nella media di 1 su cinque non sanno che il rapporto eterosessuale non protetto può causare la trasmissione del virus.

Questo è il quarto anno che l’organizzazione ha pubblicato il sondaggio annuale sulla trasmissione dell’HIV dal titolo: HIV, conoscenza generale e attitudini.

I ricercatori hanno dichiarato che molte persone credono, erroneamente, che l’HIV possa essere trasmessa attraverso i baci (il nove per cento dei partecipanti al sondaggio) o sputi (secondo il dieci per cento). Questi dati confrontati con i dati del sondaggio del 2007 sono raddoppiati del quattro e del cinque per cento rispettivamente.

Meno della metà delle persone intervistate, circa il 45 per cento, crede che l’HIV possa essere trasmessa da persona a persona utilizzando gli stessi aghi o siringhe non sterilizzati. Solo il 30 per cento degli intervistati è stato in grado di identificare correttamente tutti i modi in cui l’HIV può essere trasmessa.

Il sessantasette per cento delle persone ha dichiarato di avere simpatia per le persone sieropositive mentre il 74 per cento ritiene che le persone malate di HIV dovrebbero essere considerate allo stesso livello di persone malate di cancro e meritare quindi rispetto.

L’undici per cento degli intervistati ha dichiarato di non nutrire alcuna simpatia nei confronti delle persone sieropositive.

Quasi la metà delle persone intervistate (il 47 per cento) ritiene che non esistano metodi efficaci per prevenire che una madre sieropositiva in gravidanza trasmetta l’HIV anche al figlio o figlia.

Fortunatamente è ben dimostrato che una madre sieropositiva in gravidanza, sottoposta al trattamento, nel 99 per cento dei casi, partorisce un bambino sano.

Questo sondaggio è importante per far capire quanto ci sia ancora da fare su cosa significhi vivere con l’HIV, come sottolinea Deborah Jack, responsabile della National AIDS Trust.

Fonti: http://www.gaywave.it/articolo/hiv-e-aids-molti-non-sanno-come-avviene-il-contagio/28375/
         http://www.pinknews.co.uk/2011/02/18/one-in-five-unaware-that-hiv-can-be-passed-though-unprotected-gay-sex/

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta