ciao

sabato 26 febbraio 2011

Ecco l'ultima «ossessione»: cabaret in musica con Baby Dee e Little Annie


Le due artiste americane venerdì sera a Galleria Toledo per l'appuntamento finale della rassegna obSESSIONS


NAPOLI - Baby Dee e Little Annie si sono sfiorate per dieci anni, a New York: frequentavano gli stessi posti, gli stessi amici, suonavano negli stessi locali; soprattutto, seguivano con profonda ammirazione le rispettive carriere. Il loro primo incontro, però, avviene nel 2007 su un palco di Barcellona, dove entrambe, ma separatamente, suonavano come supporto a Marc Almond. Il feeling è immediato, epidermico: in quel momento le due artiste decidono di incrociare i loro percorsi. Nel concerto di venerdì sera a Napoli, unica data al centro-sud, le due regine del cabaret post-moderno metteranno lo zampino nei reciproci repertori solisti e presenteranno le canzoni scritte a quattro mani per il tour e per una prossima uscita discografica.

LE ARTISTE - Come definirle? Baby Dee è una performer transgender, ex organista di chiesa, arpista, pianista, artista di strada, cantante, già membro della band di Marc Almond e dei Current 93, collaboratrice di Larsen, Will Oldham, Andrew W.K. e Antony and The Johnsons. Little Annie, attrice teatrale e pittrice, eroina della prima scena industrial e post-punk britannica (quando pubblicava a nome Annie Anxiety e collaborava con Crass e Coil), poi titolare di lavori di grande respiro per la On-U Sound di Adrian Sherwood, si riscopre cantante dal mood dark ed etereo con l’album “Songs from the Coal Mine Canary”, prodotto da Antony e uscito nel 2007 su Durtro. Da quel momento inizia per lei una seconda giovinezza artistica.

LO SPETTACOLO - Le loro canzoni sono a metà tra cabaret e vaudeville, raccontano la vita e le sue contraddizioni e perciò possono far ridere, così come mettere i brividi e far piangere. In ogni caso emozionano. Chiude così, domani sera, alla Galleria Toledo di Napoli, con un bicchiere offerto da Perditempo, la quinta edizione della rassegna di musica indipendente obSESSIONS curata da Wakeupandream che quest'anno ha visto sul palco Chicago Underground Duo, Aethenor, Mahjongge Guano Padano.


Vi abbraccio

Marco Michele Caserta