ciao

sabato 22 gennaio 2011

Meglio nascere gay. Nel mondo le donne non possono essere omosessuali

Pooja e Bharati sono due ragazze indiane. Vivono nella provincia dello stato centrale del Madhya Pradesh. Pooja e Bharati non hanno ancora compiuto 18 anni e si vogliono bene. Si amano fino a sacrificarsi l’una per l’altra.

Samay Live, un sito asiatico di notizie, racconta che le due adolescenti hanno tentato il suicidio. Le loro famiglie non volevano che vivessero in pubblico l’amore che le lega. Pooja e Bharati sono disposte a ripetere il gesto se i genitori non cambieranno idea dopo che l’avranno dimesse.

Le lesbiche fanno notizia quando sono protagoniste di brutte storie. In rete è più facile trovare un rettifica di un prelato cattolico omofobo che una vicenda positiva riguardante delle donne omosessuali.

La scorsa settimana Giornalettismo ha ripreso la storia di Millicent Gaika. Millcent è una donna sudafricana vittima di un abuso di gruppo. Andile Ngoza, uno dei suoi violentatori, durante lo stupro le diceva che era una donna, non un maschio. Millicent è lesbica.

Millicent è una vittima tra le tante. Secondo le associazioni glbtq in Sudafrica sempre più donne lesbiche sono stuprate per provare a convertirle all’eterosessualità. Il Governo, inoltre, non ha ancora preso provvedimenti contro i violentatori degli omosessuali.

Ngoza non è in prigione. Ha pagato la cauzione ed è uscito. Per lo Stato la violenza su Millicent vale solo 10 dollari, meno di 8 euro.

Fonte: http://www.queerblog.it/post/10107/meglio-nascere-gay-nel-mondo-le-donne-non-possono-essere-omosessuali

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta