ciao

mercoledì 26 gennaio 2011

"I gay hanno diritto ad amare", prete contro l'omofobia di Benedetto XVI

“Gli omosessuali sono persone normali, non errori di natura o dei malati. Sono persone che hanno tutto il diritto di amare e di essere amati e in quanto tale di formare delle famiglie. Bisogna avere rispetto per gli omosessuali perché quello che conta è l’amore. E loro amano al pari degli etero. Dove c’è amore c’è Dio. Per questo la Chiesa dovrebbe rivedere radicalmente il suo pensiero sugli omosessuali”.

Queste parole sono estratte dal discorso che padre Cosimo Scordato, parroco della chiesa San Francesco Saverio all’Albergheria, ha fatto alla presentazione del progetto “Prospettiva Queer”. Il prete ospita nella propria parrocchia la sede dell’Agedo, l’associazione di genitori omosessuali.

Cosimo Scordato non è un caso isolato. Sempre più rappresentanti religiosi prendono le difese degli omosessuali che Benedetto XVI discrimina. Qui trovate la storia di Maria Vittoria Longhitano, il parroco vetero-cattolico di Milano che nel giorno del suo insediamento ha pregato per i gay discriminati.

Cosimo, Maria Vittoria e gli altri religiosi (don Franco Barbero in primis) che aiutano gli omosessuali credenti hanno bisogno di essere sostenuti e aiutati. Per farlo imparare ad ignorare il Papa e dedicare il tempo delle polemiche a persone come loro. L’omofobia la si combatte anche così.

Fonte: http://www.queerblog.it/post/10146/i-gay-hanno-diritto-ad-amare-prete-contro-lomofobia-di-benedetto-xvi

Beh, ogni tanto in mezzo ad un gregge di pecoroni neri qualche pecorella bianca per fortuna c'è!!!!!!!

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta