ciao

martedì 4 gennaio 2011

Hillary Clinton e Dilma Rousseff insieme per la tutela degli omosessuali di tutto il mondo

Gli Stati Uniti e il Brasile coopereranno unitariamente per combattere le aggressioni, gli abusi e le discriminazioni che caratterizzano ancora oggi le vite di milioni di donne e omosessuali in molti paesi africani e in Medio Oriente. E’ questo l’annuncio dato al quotidiano Estado de S. Paulo dal segretario di Stato americana, Hillary Clinton, che rappresentava il presidente Obama all’insediamento di Dilma Rousseff a capo della nazione verdeoro.
“Vogliamo che il Brasile e la sua presidente – ha dichiarato la Clinton – ci aiutino a evitare le barbarie che sono praticate in certi Paesi. Ricordiamo che in Uganda, per esempio, l’omosessualità è punita con la morte”.
Sottolineando come uno dei più grandi paesi al mondo ha finalmente come presidente una donna, l’ex first lady è riuscita anche a lanciare una frecciatina velenosa contro l’opposizione che, nei mesi scorsi, aveva suggerito che la Rousseff fosse lesbica nonostante sia stata sposata due volte e abbia una figlia: “È il livello più basso a cui possa arrivare una campagna elettorale, quello che importa non è la sessualità di un presidente, ma se farà un buon governo”.


Vi abbraccio

Marco Michele Caserta