ciao

giovedì 13 gennaio 2011

Gay Day. Il 13 gennaio 1998 Alfredo Ormando bruciava a Roma

Il 13 gennaio 1998 lo scrittore Alfredo Ormando si dava fuoco in Piazza San Pietro. L’uomo fece questo gesto estremo e mortale per protestare contro l’omofobia del Vaticano. L’attualità ci ricorda che in questi 13 anni non è cambiato molto. Ancora Arcigay prova a dialogare con la Chiesa. Ancora la Chiesa non affronta con chiarezza i credenti gay.

Ormando non deve però diventare il simbolo di battaglie ideologiche sterili. Per evitare questo fraintendimento amaro oggi abbiamo deciso di ricordarlo proponendovi parte della lettera che lo stesso scrittore ha redatto prima di suicidarsi. Scrive Ormando:


“Ho deciso di trasformare in urlo e in segno indelebile il mio corpo di uomo che ama un altro uomo, di gridare tutto ciò che la Chiesa non vuole vedere. Il mio corpo sarà la penna, si consumerà scrivendo la mia parola che nessuno potrà cancellare, il mio inchiostro sarà la benzina".

E continua:

"Sono, partito da Palermo ieri sera in treno. Un viaggio interminabile per arrivare qui, sotto l’imponente colonnato in questa rigida mattina. Oggi è il 13 del mio ultimo gennaio, del mio ultimo anno, il 1998. Ho comperato la benzina presso un distributore automatico vicino San Pietro. Ho nascosto la tanica in una borsa nera. Ma ora, prima di darmi fuoco, sento i ricordi che non vogliono lasciarmi e li accolgo nel grembo della mia mente che per me è ospitale come il grembo di donna ed è l’unico luogo di libertà che io abbia mai conosciuto.

Mi farò torcia umana e scriverò parole che non potranno essere ignorate. Visto che hanno messo Cristo in croce capiranno che cos’è il sacrificio e almeno dentro di loro l’eco delle mie parole procurerà un sussulto.

Le gerarchie cattoliche arriveranno a dire che mi tolgo la vita per malattia, o debolezza, e non per urlare loro l’ingiustizia che infliggono agli omosessuali in questo Paese. Ed è per questo che nel mio giubbotto, che ho poggiato per terra, sui lastroni calpestati da migliaia di fedeli, ho lasciato una lettera di denuncia. Almeno le parole di un morto, di un martire, le leggeranno. Bisogna ammazzarsi per farsi sentire.

Ma se mi fossi ammazzato in Sicilia non mi avrebbero ascoltato. E sono dovuto partire. Io mi sto trasformando nel mio assassino, qui dinanzi agli occhi innocenti di Gesù che amo. Sono dietro a un vetro, il novanta per cento della pelle è ustionata, le telecamere dei tiggì mi inquadrano. Lo so, non mi salverò. Il mio corpo è la mia parola. Finalmente ascoltata".

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta