ciao

venerdì 21 gennaio 2011

Famiglia Cristiana contro Berlusconi? Il Giornale la attacca: "Meglio un (presunto) puttaniere che i diversamente orientati"

Il Giornale è tornato all’attacco del mondo Lgbt, approfittando del caso di Ruby Rubacuori e Silvio Berlusconi. Non avendo gradito la critica della rivista cattolica per il comportamento ambiguo del Premier, in questi giorni di scandali a luci rosse, il giornalista Gianni Toffali lancia l’accusa di ipocrisia, in prima luogo rivolgendosi al direttore della testata:

“Che il direttore Sciortino amasse la politica più della teologia, e i partiti di sinistra più del Pdl, è cosa nota, ma che fosse stato nominato dallo Spirito Santo novello Torquemada con licenza di rogo, questo ancora non si sapeva. Il prete che ama vestirsi in giacca e cravatta (quasi fosse umiliante portare il clerygman) dovrebbe sapere che l’uomo di chiesa deputato ad ammonire un peccatore è il suo confessore o il suo direttore spirituale! Il moralizzatore Sciortino, dovrebbe inoltre essere a conoscenza che la superbia, vale a dire il credersi pari a Dio (e quindi in potere di dispensare giudizi e condanne definitive) è il primo dei sette vizi capitali”



Infine, la dura critica e l’affondo alle persone omosessuale, nemmeno nominate apertamente ma indicate con “diversamente orientati” (riferito ai ‘diversamente abili’?):

“Gli “avvoltoi” che non sono riusciti ad abbattere Berlusconi, né con l’esito delle urne elettorali, né con la strumentalizzazione degli studenti, né con il 14 dicembre, né con le toghe rosse, né con le donne, né con i moralismi d’accatto, si devono rassegnare al fatto che che è meglio un (presunto) puttaniere che fa buone leggi a favore della famiglia, piuttosto che un ipocrita baciapile che vorrebbe concedere diritti a chi per egoismo non si vuole sposare, o peggio, ai “diversamente orientati”. Chi dell’opposizione è senza peccato (leggasi di sesso, magari con trans e sodomiti) scagli la prima pietra, se ne ha il coraggio!”

Dopo la frase di Maurizio Gasparri, ecco nuovamente un’altra aperta aggressione al mondo Lgbt che, in questo momento, nulla ha a che fare con lo scandalo nato ma che viene sempre tirato in ballo quando si tratta di voler giustificare un comportamento morale indecente. Meglio un presunto puttaniere che i gay. E, caro signor Toffali, questo stabilito da chi, esattamente? Da lei? Perchè anche il suo è un pensiero che sembra attingere alla verità assoluta quando, fortunatamente, sono ancora pochi ad essere rimasti a pensarla così: sono coloro che scivolano con le unghie contro il vetro del dignitoso e rispettoso silenzio. Ma fanno solo rumore…niente di più.

Fonte: http://www.queerblog.it/post/10103/famiglia-cristiana-contro-berlusconi-il-giornale-la-attacca-meglio-un-presunto-puttaniere-che-i-diversamente-orientati

Vi abbraccio

Marco Michele Caserta