ciao

venerdì 14 gennaio 2011

Dichiarazione della vittima di ‘Svastichella’: una vergogna la riduzione della pena a 4 anni.

Arcigay: “Serve presto legge utile e severa contro l’omofobia”
“Cosa aspetta il Parlamento ad approvare una legge” contro l’omofobia? “Sono indignato di fronte a quei politici che dicono di voler combattere la violenza e poi non fanno nulla. Dovrebbero vergognarsi, 4 anni per un tentato omicidio non sono nulla, considerando anche che difficilmente otterrò il risarcimento del danno, essendo l’aggressore nullatenente”.
Lo dice in una nota Dino, il ragazzo vittima dell’aggressione di Alessandro Sardelli detto Svastichella, l’uomo che nell’agosto 2009 accoltellò il ragazzo perché gay, riducendolo in fin di vita, e ferì il suo compagno all’Eur. Oggi la Corte d’Appello di Roma ha ridotto a quattro anni di reclusione la pena di Sardelli. “Se ci fosse stata una legge che punisce l’omofobia, la pena non sarebbe mutata e questo mostra la grave lacuna presente nel nostro ordinamento che non punisce la violenza ai danni delle persone lesbiche, gay e trans”, dice invece l’avvocato Daniele Stoppello, responsabile dell’Ufficio Legale di Gay Help Line di Arcigay. “Il fatto che la Corte abbia confermato il reato di tentato omicidio – continua Stoppello – conferma la gravità di quanto compiuto da Sardelli e rappresenta comunque un fatto molto importante, per un procedimento di questo tipo. Il Giudice conferma anche la costituzione di parte civile di Arcigay Roma e del Comune di Roma, un fatto non scontato che testimonia come questa aggressione violenta abbia danneggiato tutta la nostra comunità e la città”. Per Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma e responsabile di Gay Help Line, “la riduzione della pena perché sono state applicate le attenuanti generiche ci amareggia, perché non è accettabile che in Italia una persona venga condannata a 4 anni per tentato omicidio perché non c’è una legge che punisce la violenza contro lesbiche, gay e trans. Di fronte a una sentenza di questo tipo la nostra classe politica non può permettersi di restare in silenzio e non approvare al più presto una legge utile e severa”.

Fonte: http://gaynews24.com/?p=18212

Spesso mi vergogno di essere un cittadino italiano!!!

Vi bbraccio

Marco Michele Caserta