ciao

mercoledì 5 gennaio 2011

Carlo Giovanardi contro Elton John: non è un’adozione “favorisce il racket di semi e di bambini”.

“Quella di Elton John non è una adozione: è una mercificazione del corpo che favorisce il racket di semi e di bambini”.Il sottosegretario ha fornito la sua opinione in risposta alla domanda di Klaus Davi nell’ambito di una puntata dedicata al tema dell’inseminazione eterologa e sul giudizio per paesi come Olanda e Inghilterra, che consentono quelle forme di fecondazione che hanno permesso a Elton John di avere un figlio attraverso un utero in affitto.
“Pezzi di uomo e di donna vengono comprati e mercificati. Secondo questa logica è possibile comperare un donatore maschio, una ragazza selezionata con quoziente di intelligenza superiore e una terza persona che ha la gestazione, che diventa madre senza esserlo. Mi sembra una cosa che dal punto di vista umano, culturale e religioso apre degli scenari incredibili. In questo modo si diventa complici del racket dei feti e del seme” prosegue Giovanardi.
“La logica della selezione porta a degli eccessi come in Olanda, dove i bambini gravemente ammalati vengono soppressi perché, secondo quel paese, non hanno una vita degna di essere vissuta”. “Ricordiamoci che quando il Nazismo andò al potere e impose queste ‘tecniche’, la Germania non era certamente il paese più sottosviluppato del mondo” aggiunge Giovanardi.
Alla domanda di Klaus Davi: “Quindi è corretto parlare di racket di bambini?”, il sottosegretario replica: “Sì. È inevitabile quando si parla di un mercato con domanda e offerta: domanda di seme selezionato e di corpi selezionati”.
Il sottosegretario alla Famiglia, Carlo Giovanardi, poi, lancia una forte accusa contro chi difende la decisione del cantante di adottare un bambino insieme al suo compagno.
“Nel difendere il diritto di Elton John di concepire in tal modo un bambino, le associazioni gay più oltranziste finiscono con l’iscriversi alla scuola positivista del ‘900 che teorizzava questo tipo di eugenetica, che poi è stata ripresa in molti aspetti dal nazismo”.
“Se si accetta il principio di discriminazione o comunque di una scala di valori secondo la quale qualcuno si arroga il diritto di stabilire chi ha diritto di vivere e chi no, abbiamo visto che il discorso diventa un terribile boomerang per tutti” incalza Giovanardi.
“Quando si toglie ogni limite sono ipotizzabili le cose più stravaganti e più incredibili al mondo, perché poi chi è in grado di andare a verificare le realtà che nascono da questi fenomeni? Si aprono sicuramente prospettive inquietanti, come quella che attraverso l’inseminazione eterologa i pedofili possano concepire bambini. Con la nostra legge ciò non può accadere, perché disciplina chiaramente le condizioni di inseminazione: padre e madre certi che attraverso l’inseminazione concepiscono un figlio al quale devono poi garantire un futuro. Garantendo il diritto di un bambino di avere un padre una madre” conclude il sottosegratario alla Famiglia.

Fonte: http://gaynews24.com/?p=18010

Vi abbraccio

Marco MicheCaserta