ciao

giovedì 11 novembre 2010

Transgender perseguitata in Iran, appello di EveryOnegroup

Un nuovo appello lanciato da Iranian Railroad for Queer Refugees e raccolto dal Gruppo EveryOne per cercare di aiutare Mahtab, una donna transgender, e suo marito Saleh, che hanno dovuto subire umiliazioni e minacce in Iran, dove la legge non punisce ufficialmente le persone appartenenti alla comunità transessuale, ma dove queste vivono in condizioni davvero pessime, a causa dell’odio, dell’omofobia e del pregiudizio, anche da parte delle forze dell’ordine, come dimostrano i numerosi casi di omicidio e violenza su persone transessuali e transgender.

Dal canto suo l’Alto Commissario per i Rifugiati non ha ancora accolto la richiesta di asilo politico da parte della coppia, che per il momento è rifugiata in Turchia, dove però non viene riconosciuto il diritto di asilo agli iraniani perseguitati.

Ecco quanto riportato nel comunicato del Gruppo per la difesa e tutela dei diritti umani: “Il Gruppo EveryOne appoggia la campagna promossa da IRQR: una raccolta fondi che consenta ai due di sopravvivere in Canada fino a quando non saranno completate le procedure di accoglienza”.

Allo stesso tempo l’organizzazione fa richiesta all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati di riconsiderare la propria decisione e riconoscere a Mahtab e Saleh i diritti che derivano dalla loro condizione di perseguitati.

Fonte: http://www.gaywave.it/articolo/transgender-perseguitata-in-iran-appello-di-everyonegroup/24357/


Vi abbraccio
Marco Michele Caserta